le frasi

frasi avariate
raccolte
stradafacendo

indietro

• • •
— “La me fasessi una fritata?”
— “Sí... per quanti?”
— “Mha... tre...”
— “Ah ok... picola quindi...”

(epilogo)

— “Iera bona la fritata?”
— “Sí... ma una curiosità, quanti ovi iera?”
— “15.”
— “Dio b***a!”
— “Bé... miga tanti... de solito meto 20...”
[Dal Nisi, Gorizia]
• • •
Cossa te se fa con un Kalashnikov se dopo no te sa usarlo? El fa casin e basta...
[Un'amica riflessiva sui membri maschili]
• • •
Hai voluto l'emancipazione? Ok: ti radi! Io in pasticcieria d'estate con lo yeti non ci sto... mi fai caldo!
[Giacomo B.]
• • •
Il mondo è fatto a scale, c'è chi le scende e chi le pulisce.
[Giacomo B.]
• • •
— “Chi siete voi?”
— “Donne.”
— “E che cosa volete?”
— “Niente.”
— “Come niente?”
— “Lascia stare.”
— “Cosa?”
— “Non ti preoccupare.”
— “Che?”
— “Tu non mi capisci!”
[dialogo-tipo]
• • •
Diremo che ci siamo incontrati a una mostra.
[una ragazza su Tinder]
• • •
Siete solo pecore che aspirano al rango di capre.
Vittorio Sgarbi
• • •
Ma sono inutili. Ti sanno dare solo risposte.
Pablo Picasso sui computer
• • •
Lucia e Lorenzo son due persone orrende: lui doveva far una sola cosa - aspettare - e se ne va... e Lucia piange sempre.
Asia
• • •
Te parli cazade
da un muro a Trieste
• • •
Ci porti fuori per favore ♡
da una lavagna di una scuola di Staranzano, gli ultimi giorni di scuola
• • •
I pregiudizi sono meglio dei giudizi perché ci pensi con più calma.
da una conferenza di architettura
• • •
La tipica risposta da motosega in testa.
Giacomo B.
• • •
La pigrizia è il motore del progresso.
Bruno Munari
• • •
Ma coss 'te lo conosse' che gavé a malapena i genitori in comune!
Giacomo a un Zanolla sul fratello Zanolla
• • •
Caddi in uno dei miei patetici periodi di chiusura. Spesso, con gli esseri umani, buoni e cattivi, i miei sensi semplicemente si staccano, si stancano: lascio perdere. Sono educato. Faccio segno di sì. Fingo di capire, perché non voglio ferire nessuno. Questa è la debolezza che mi ha procurato più guai. Cercando di essere gentile con gli altri spesso mi ritrovo con l'anima a fettucce, ridotta ad una specie di piatto di tagliatelle spirituali. Non importa... il mio cervello si chiude. Ascolto. Rispondo. E sono troppo ottusi per rendersi conto che io non ci sono.
Charles Bukowski
• • •
I vecchi? Bisognerebbe ammazzarli da piccoli...
Giacomo
• • •
... lo scopo di queste non-regole è mantenere delle parole d'ordine anacronistiche che permettano a una comunità di congratularsi per conoscerle.
Stan Carey sulle regole della lingua
• • •
Sesso orale? Parliamone.
(anonimo)
• • •
Io ho vissuto molti anni e dopo molte prove e infinite tribolazioni sono giunto alla conclusione che la miglior cosa è una bionda, sui dodici anni di età – due è meglio, quando sia possibile...
Padre Andreij, Amore e guerra
• • •
Cominciare la giornata seppellendo il gatto è male.
Jacopo Quagliarello
• • •
Anche quei movimenti (tipo 5 stelle ndr): disorganizzati, disarmati... non funziona!
Mastro Butti
• • •
Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a farle allo stesso modo.
La crisi è la miglior cosa che possa accadere a persone e interi paesi perché è proprio la crisi a portare il progresso.
La creatività nasce dall'ansia, come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che nasce l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce le sue sconfitte alla crisi, violenta il proprio talento e rispetta più i problemi che le soluzioni.
La vera crisi è la crisi dell'incompetenza.
Lo sbaglio delle persone è la pigrizia nel trovare soluzioni. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non ci sono meriti.
È nella crisi che ognuno di noi affiora, perché senza crisi qualsiasi vento è una carezza.
Parlare di crisi è creare movimento; adagiarsi su di essa vuol dire esaltare il conformismo.
Invece di questo, lavoriamo duro!
L'unica crisi minacciosa è la tragedia di non voler lottare per superarla.
Albert Einstein
• • •
La memoria es el perro más estúpido, le lanzas un palo y te trae cualquier cosa.
Ray Loriga
• • •
Insomma tra un cliente e l'altro ti amo anche io. Ti amo e non riesco nemmeno a parlarne perchè in realtà non capisco nemmeno io cosa mi stia succedendo. Ti amo senza tanti ragionamenti.
Margherita
• • •
Ho paura che un giorno, dopo esserci tanto mancati, ci chiederemo se potevamo fare qualcosa concretamente, invece di mancarci senza fare niente.
Giulia Carcasi
• • •
Dannazione ragazzo, non innamorarti di una ragazza solo perchè ha un bel culo, o una terza piazzata bene; Non innamorarti solo perchè ha belle forme, quelle con il tempo andranno a farsi fottere. Piuttosto, innamorati del profumo della sua pelle, dell’emozioni che ti regala con un sorriso. Innamorati dei suoi abbracci e delle sue carezze. Innamorati delle sue imperfezioni, rendile uniche e inimitabili. Cogli la sua vera essenza, ubriacati di lei. Non badare alle forme, scava nel suo animo e arriva fino al centro del suo cuore. Innamorati di questo, perchè è l’unica cosa che troverai sempre.
Bob Marley
• • •
Oggi, finalmente, ho capito che siamo tutti diversi. C'è chi ha la bellezza, chi ha il talento, chi ha il denaro, e poi ci sono io, che ho il sonno!
Giuseppe Cepparulo
• • •
L'uovo ha una forma perfetta, benché sia fatto col culo.
Bruno Montanari
• • •
Voglio una persona con cui riposare l'anima e invecchiare dolcemente.
Jack Kerouac, Sulla strada
• • •
Bisogna essere molto forti per amare la solitudine.
Pier Paolo Pasolini
• • •
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice.
José Saramago, L'anno della morte di Ricardo Reis
• • •
— “Ehi! ma come guida?! Ce l'ha la patente? È questo il modo di guidare i bauli?!”
— “Scusi signore... ma guardi che venivo da destra...”
— “Che c'entra la politica?”
Otis B. Driftwood ed un facchino, Una notte all'opera
• • •
— “Li no xè un caso psicologico... ghe vol un esorcista!”
— “Sì... "esci da questo corpo... e lasciamelo"...”
Giacomo B. e J. parlando di un'amica che non si concede
• • •
La follia è una condizione umana. In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione.
Franco Basaglia
• • •
Ma ti no te ga ancora fame fame... Te selezioni ancora.
Giacomo B. parlando dell'appetito sessuale di un'amica
• • •
Sono pessimista con l'intelligenza, ma ottimista per la volontà.
Antonio Gramsci
• • •
People don't take trips... trips take people.
John Steinbeck
• • •
Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità d'amare.
Erich Fromm
• • •
Non può piovere per sempre. E poi c'é il Friuli.
Luca Ing Presello
• • •
Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.
Charles Bukowsky, Il capitano è fuori a pranzo
• • •
— “Un té?”
— “Sì grazie, non mi basto mai abbastanza...”
un'amica e J.
• • •
A parte l'uomo, tutti gli animali sanno che lo scopo principale della vita è godersela.
Samuel Butler
• • •
Per tutta la vita siamo messi di fronte a decisioni angosciose, a scelte morali. Alcune di esse importantissime, la maggior parte meno importanti. E noi siamo determinati dalle scelte che abbiamo fatto, siamo in effetti la somma totale delle nostre scelte. Gli avvenimenti si snodano così imprevedibilmente, così ingiustamente. La felicità umana non sembra fosse inclusa nel disegno della creazione, siamo solo noi, con la nostra capacità di amare, che diamo significato all'universo indifferente. Eppure la maggior parte degli esseri umani sembra avere la forza di insistere e perfino di trovare gioia nelle cose semplici: nel loro lavoro, nella loro famiglia e nella speranza che le generazioni future possano capire di più.
Rabbino, Crimini e misfatti, di Woody Allen
• • •
La vita è breve... Perdona in fretta, bacia lentamente, ama davvero, ridi sempre di gusto... E non pentirti mai di qualsiasi cosa ti abbia fatto sorridere, oppure piangere.
Sergio Bambarén, Lettera a mio figlio sulla felicità
• • •
È troppo stupido per avere accesso ad Internet un essere così.
Tex
• • •
Vardé che go dei mormoni anche mi...
un'amica, discutendo di appetiti sessuali
• • •
I sogni non vogliono farvi dormire, al contrario, vogliono svegliarvi.
René Magritte
• • •
Eh madonna, questi under 30 che si credono ormai sull'orlo del baratro.
[discussioni con una giovane amica]
• • •
Per farvi capire quanto sono scazzato vi dirò questo: non sto fumando.
Dave
• • •
“Pensa a quanto mi ami in questo momento”, gli sussurrò. “Non posso chiederti di amarmi sempre così, ma di ricordare sì. Da qualche parte dentro di me ci sarà sempre la persona che sono stasera”.
Francis Scott Fitzgerald, Tenera è la notte
• • •
Ti te ga una visiòn del progetto pauperista e "alla Landini".
l'architetto
• • •
Mi sembra che una delle cose che questo tempo e questo modo di vivere frettoloso e qualunquista ci ha sottratto sia l'educazione, intesa come sensibilità nei confronti dell'altro e capacità di fermarsi per trovare le parole, i gesti, i momenti per dire, ringraziare e accompagnare, per cedere il passo od aspettare...
Tracciamenti
• • •
È tutto così: zucchero buttato a-cazzo... non è che vien fuori un dolce se butti dello zucchero sulla tavola...
Enrico parlando di un rapporto sdolcinato
• • •
Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.
Daniel Pennac, Come un romanzo
• • •
Ho visto rosso... e la madonna che mi passava il machete...
Giacomo B.
• • •
Ciò che conta non è l'architettura, ma la vita, gli amici e questo mondo ingiusto che dobbiamo modificare.
Oscar Niemeyer
• • •
Testa di nicchia, (fig.) persona il cui pensiero è oscuro ai più.
Giacomo B.
• • •
El vìn lo ga gentilmente offerto mio pare... dopo una lotta furibonda...
anonimo conte bisiacco
• • •
Temporale: prima gli hard-disk poi i bambini.
Be Happy
• • •
Un giorno senza sorriso è un giorno perso.
Charlie Chaplin
• • •
Quando cambia el CAP no xé tradimento.
anonimo conte bisiacco
• • •
Che bello che è "averci".
un'amica su un'amicizia
• • •
Il manicomio non è una struttura, è un criterio.
(senza fonte)
• • •
Stella, io non so il participio passato del verbo fottere, a me interessa il presente!
il barista di fiducia
• • •
— “La mia vita privata è già un tale pasticcio: sarebbe un disastro se...”
— “E allora? Un disastro è quello che ci vuole, per vedere chiaro nelle cose.”
Jane e Thomas [film Blow Up]
• • •
È tutto così semplice,
si, era così semplice,
è tale l'evidenza
che quasi non ci credo.
A questo serve il corpo:
mi tocchi o non mi tocchi,
mi abbracci o mi allontani,
il resto è per i pazzi.
Patrizia Cavalli, Pigre divinità e pigra sorte
• • •
I bambini sono di sinistra. Di sinistra, sì, nessun dubbio. Non soltanto per i pugnetti stretti in segno di protesta. I bambini sono di sinistra perché amano senza preconcetti, senza distinzioni. I bambini sono di sinistra perché si fanno fregare quasi sempre. Ti guardano, cacci delle balle vergognose e loro le bevono, tutti contenti. Sorridono, si fidano. Bicamerale! Sì, dai! I bambini sono di sinistra perché stanno insieme, fanno insieme, litigano insieme. Insieme, però. I bambini sono di sinistra perché se gli spieghi cos'è la destra piangono. I bambini sono di sinistra perché se gli spieghi cos'è la sinistra piangono lo stesso, ma un po' meno. I bambini sono di sinistra perché a loro non serve il superfluo. Sono di sinistra perché le scarpe sono scarpe, anche se prima o poi delle belle Nike o Adidas o Puma, o Reebok, o Superga gliele compreremo. Noi siamo No-Logo, ma di marca! I bambini sono di sinistra malgrado l'ora di religione obbligatoria. I bambini sono di sinistra grazie all'ora di religione obbligatoria. I bambini sono di sinistra perché comunque, qualsiasi cosa tu gli dica che assomigli vagamente a un ordine, fanno resistenza. Ora e sempre. I bambini sono di sinistra perché occupano tutti gli spazi della nostra vita. I bambini sono di sinistra perché fanno i girotondi da tempi non sospetti. I bambini sono di sinistra perché vanno all'asilo con bambini africani, cinesi o boliviani, e quando il papà gli dice "vedi, quello lì è africano", loro lo guardano come si guarda una notizia senza significato. I bambini sono di sinistra perché quando si commuovono piangono, mentre noi adulti teniamo duro, non si sa bene perché. I bambini sono di sinistra perché se li critichiamo si offendono. Ma se li giudichiamo non invocano il legittimo sospetto, e se li condanniamo aspettano sereni l'indulto che prima o poi arriva: la mamma, Ciampi, il Papa. I bambini sono di sinistra perché si fanno un'idea del mondo che nulla ha a che fare con le regole del mondo. I bambini sono di sinistra perché se gli metti lì un maglioncino rosso e un maglioncino nero scelgono il rosso, salvo turbe gravi - daltonismo o suggerimento di chi fa il sondaggio. I bambini sono di sinistra perché Babbo Natale somiglia a Karl Marx. Perché Cenerentola è di sinistra, perché Pocahontas è di sinistra. Perché Robin Hood è di Avanguardia Operaia e fa gli espropri proprietari. I bambini sono di sinistra perché hanno orrore dell'orrore. Perché di fronte alla povertà, alla violenza, alla sofferenza, soffrono. I bambini sono di sinistra perché il casino è un bel casino e perché l'ordine non si sa cos'è. I bambini sono di sinistra perché crescono e cambiano. I bambini sono di sinistra perché tra Peter Pan e Che Guevara prima o poi troveranno il nesso. I bambini sono di sinistra perché, se ce la fanno, conservano qualcosa per dopo. Per quanto diventa più difficile, difficilissimo, ricordare di essere stati bambini. Di sinistra, poi.
Claudio Bisio
• • •
— “Dimmi le cose sporche...”
— “Acaro! Acaro! Acaro! Polvere!...”
anonimo conte bisiaco e Giacomo B.
• • •
— “Dai 'ndemo al BEFeD che xé le milf...”
— “Stela... non xé che se te va in una pinacoteca te vien a casa con un quadro...”
Giacomo B. e anonimo conte bisiaco
• • •
Per essere sereni, bisogna conoscere i confini delle nostre possibilità, e amarci come siamo.
Romano Battaglia
• • •
A bighe dure no si resone.
[detto popolare]
• • •
L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi.
Kahlil Gibran
• • •
— “Nooo... è andata via la nuvola...”
— “Bé, cerchiamone un'altra...”
[riposando con un'amica al sole]
• • •
Non acquistate mai un elefante cocainomane.
Mirco Zilio
• • •
Che cos'è il genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità d'esecuzione.
[Amici miei]
• • •
Mi piace come ascolti. Fai venir voglia di parlare.
Gianrico Carofiglio
• • •
— “Ma cossa: quel bidòn?”
— “Si ma go notà che da sbronzi el bidòn inizia ad assumer forme femminili...”
Giacomo B.
• • •
El primo progetto funzionava magnificamente... solo che el gà cambià moglie...
l'architetto
• • •
A forza de far go perso diotrie in stì anni: ghe ne go perse talmente tante che go la visiòn a infrarossi ormai...
Giacomo B.
• • •
— “E far una roba a-tre?”
— “Mi vado molto de roba a-uno ultimamente...”
Joshua e Giacomo B.
• • •
— “Ma cossa Gandalf che te son fora dal giogo ormai...”
— “Almeno mi go giogà a carte per cinque anni... e ti?”
— “Bè... mi son andà di fiore in fiore, ecco...”
[Giacomo B. e Gandalf in merito al sesso]
• • •
Sì ma "la foto" xé "la foto"... "la fotto" è un'altra cosa...
[un'amica]
• • •
La brutta notizia è che il tempo vola. La buona è che il pilota sei tu.
Michael Altshuler
• • •
Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo, gli uomini si educano insieme.
Paulo Freire
• • •
Divertente / dolce / frizzante / un po' avvolgente.
[un'amica su un'amicizia]
• • •
Alice si innamorò così, come scoppiava a ridere o a piangere. Scoppiò ad amare.
Andrea G. Pinketts
• • •
Sedassa ah? Te capiso, anca par mi xe cussì: xe quel fogo eterno che brusa dentro...
[anonimo conte bisiaco]
• • •
Lavorate, come se non aveste bisogno di soldi,
Amate, come se non doveste mai soffrire,
Ballate, come se nessuno vi guardasse.
Daisaku Ikeda
• • •
Tra vent'anni sarai più infastidito dalle cose che non hai fatto che da quelle che hai fatto. Perciò molla gli ormeggi, esci dal porto sicuro e lascia che il vento gonfi le tue vele. Esplora. Sogna. Scopri.
Mark Twain
• • •
Ho dormito come un bambino: mi svegliavo urlando ogni due ore.
[comico di cui si è persa memoria]
• • •
Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. [...] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero. [...]
Sandro Pertini
• • •
Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno inciampato. La loro è una virtù spenta, di poco valore. A loro non si è svelata la bellezza della vita.
Boris Pasternak, Il Dottor Zivago
• • •
Non c'è innamoramento senza illusione, non c'è amore senza un po' di delusione.
Emanuela Muriana, Tiziana Verbitz, Psicopatologia della vita amorosa
• • •
Un intervento in una conferenza deve essere come un bel bikini: più corto e conciso possibile ma deve lasciar spazio all'immaginazione.
[un giornalista]
• • •
Sicuro che non vuoi una melanzana impanata?... Sicuro sicuro? è qui che ammicca: strizza l'olio...
[deliri da pausa pranzo]
• • •
È colpa mia se siamo diventati indifferenti, per piccoli egoismi ed altrettante bugie e nessuna spiegazione...
Il Teatro degli Orrori, è colpa mia
• • •
Le cattoliche? Son le migliori! Perché lo fanno lo stesso... ma col gusto del peccato...
[il barista di fiducia]
• • •
L'ordine è subdolo: conforta chi lo persegue e, sottraendogli tempo, lo illude di portarsi avanti in qualcosa – quando, invece, è solo un modo per tergiversare nel progetto da compiere. L'ordine, inoltre, plagia: offrendo un rapido accesso alle informazioni fa credere di possederne la sostanza. Oltre al tempo, poi, anche le energie vengono sottratte, rafforzando l'impressione d'avanzare in qualcosa, quando questo non è. Si è fermi, nell'ordinare. Meglio quindi bloccarsi del tutto, riposare, farsi assalire dall'angoscia di non star facendo nulla: il disordine stantio, a differenza dell'ordine, amplificherà questa percezione. Farà poi sì che i tempi vengano ottimizzati: non c'è tempo per l'ordine, nell'azione. Quest'ultima sarà pertanto più violenta, decisa, efficace (forse).
JC, Disordinate considerazioni
• • •
Andar a Praga con la morosa e come andar all'Oktoberfest con la birra portata da casa.
[anonimo amico morosato]
• • •
I'm not sentimental — I'm as romantic as you are. The idea, you know, is that the sentimental person thinks things will last — the romantic person has a desperate confidence that they won't.
F. Scott Fitzgerald, This Side of Paradise
• • •
Tu non sei bipolare, sei quadripolare! E di sicuro uno dei quattro era un ufficiale delle S.S.!
Giacomo B. a Gandalf
• • •
Attenti al loop.
Giacomo B.
• • •
Amico è con chi puoi stare in silenzio.
da Trucioli di Camillo Sbarbaro
• • •
— “Non aver paura della tua ombra!”
— “Ho un brutta ombra...”
[anonima amica depressa]
• • •
Bianchi e neri siamo tutti uguali? Ma che siamo? In un film di Nanni Moretti?! Siamo in un film di Nanni Moretti?! Te lo meriti Nanni Moretti!
Lionello Frustace [film Nessuno mi può giudicare]
• • •
Vanti col Cristo che a procession se ingruma.
[detto popolare]
• • •
Chi semina raccoglie, ma chi raccoglie si china... ed a quel punto... è un'attimo...
[anonimo]
• • •
Chiamare le cose con il loro nome è un gesto rivoluzionario.
Rosa Luxemburg
• • •
Non ho mica cinque anni che mi compri il gelato e siamo amici...
[anonima amica depressa]
• • •
A l'è inutil insegnà al mus, si piart timp e in plui si infastidis la bestie. (trad. è inutile spiegare all'asino, si perde il tempo e in più s'infastidisce la bestia)
[detto popolare]
• • •
Non posso più mettere le polo della Lacoste; il coccodrillo mi stimola troppo il capezzolo...
[amico su Facebook]
• • •
Ed ora andiamo al sodo, anzi, al solido...
Corso di Google SketchUp
• • •
(...) da quando sono fidanzato con Ines mi vengono dei piccoli attacchi di panico... ma sono sicuro che finiranno con il matrimonio.
Gil Pender, Midnight in Paris
• • •
Si applaudono soltanto i luoghi comuni, mentre sarebbe il caso di coltivare l'atrocità del dubbio.
Pier Paolo Pasolini
• • •
Prossima volta mi racconti anche cose più pragmatiche, tipo, "come va?"...
Elisa
• • •
I soldati sono come i cioccolatini, uno tira all'altro... solo che non c'è la dolcezza.
Alessandro Bergonzoni, Urge
• • •
Make things as simple as possible but no simpler.
Albert Einstein
• • •
Cosa autorizza il pedagogo a ingozzare con le sue priorità e i suoi valori esoterici quello che Shakespeare chiamava "the general" (cioè coloro che non amano il caviale), soprattutto quando sa, nel profondo del suo cuore turbato, che i capolavori intellettuali e artistici non sembrano rendere la società e gli uomini più umani, più proni alla giustizia e alla clemenza? Quando intuisce che gli studi umanistici non umanizzano, che le scienze e persino la filosofia possono assecondare la peggiore politica? [...] Con quale giustificazione, salvo il mio gusto e la mia vanità personali, pretendo di lottare contro la cultura popolare e ciò che offre manifestamente a vite per altri versi monotone e menomate, come Don Chisciotte contro i mulini? Secondo criteri pragmatici e democratici, secondo la giustizia sociale, la risposta è: con nessuna.
George Steiner, Errata
• • •
— “...e poi bisogna imparare a sopportare i difetti altrui... con santa pazienza...”
— “Guarda che la cosa più dura è sopportare i pregi! Che è ancora peggio: "Oooh, ma tu conosci Bollani?! è bravo Bollani!" "Sì...sì... è bravo..." "Insomma è un bel ragazzo anche!" "Sì, sì"...”
[Sandro Lombardi e David Riondino, Dr. Djembé, 24 aprile 2011]
• • •
Sogni d'oro, e cerca di non farti prendere dal panico.
Altan
• • •
Sono impuro, bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto de lengua e di spada, facile al gozzoviglio. Fuggo la verità e inseguo il vizio.
Brancaleone, Brancaleone alle crociate
• • •
Piacere e dolore sono tutt'uno.
Teodora, L'armata Brancaleone
• • •
Dio ha creato l'uomo, William Margold ha creato sé stesso.
biglietto da visita di William Margold, pornoattore
• • •
Io non leggo mai. Non leggo libri... cose... pecché... che comincio a leggere mo' che so' grande? Che i libri so' milioni, milioni, non li raggiungo mai, avete capito? Pecché io so' uno a leggere, loro sono milioni a scrivere, cioè un milione di persone, e io uno, e mentre ne leggo uno ne hanno scritto già milioni... e allora ma che me ne importa a me?
Massimo Troisi [film Le vie del Signore sono finite]
• • •
Questa serata è l'emblema della nostra vita: tu che accompagni a casa un barbone, io che trasporto un pesante fardello e gli altri a far festa ed a ubriacarsi...
Enrico
• • •
In pratica, in cosa consiste questo progetto? - Vado alla deriva per la città, scelgo degli angoli apparentemente appartati, accoglienti, per quello che è il mio gusto, sistemo un paio di sgabelli, metto il cartello "Ti ascolto", mi siedo e aspetto.
Ti ascolto, architettisenzatetto.net
• • •
L'architetto è l'unico responsabile di ciò che esce dal suo tavolo da disegno e porta la sua firma. Nessun politico o imprenditore si farà carico della colpa culturale dell'architetto per un ambiente sbagliato. Le nostre Università sono responsabili per la preparazione della prossima generazione di architetti a questo dovere etico e morale insuperabile.
Robert Krier
• • •
Darwin, who as a student at Cambridge, had formed a club dedicated to eating animals "unknown to human palate", cheerfully sampled the iguanas.
[da una biografia di Charles Robert Darwin]
• • •
La Segreteria di Presidenza gestisce l'irrazionale assoluto rendendolo plausibilmente quasi razionale.
Augusto Romano Burelli
• • •
Il pubblico è abituato
a vedere nei musei
opere d'arte
soltanto sotto forma di
pitture
sculture
disegni
e scambiando il mezzo per l'arte
compera oggetti che sembrano
pitture
sculture
disegni

mai troverebbe l'arte
in una composizione di alluminio
o di materia plastica
Bruno Munari, Falsa Educazione
• • •
Siediti al sole, abdica e sii re di te stesso.
Fernando Pessoa
• • •
At last the secret is out, as it always must come in the end, the delicious story is ripe to tell to the intimate friend; over the tea-cups and into the square the tongue has its desire; still waters run deep, my dear, there's never smoke without fire. (...)
Wystan Hugh Auden
• • •
(...) e ci spataflacco sopra la marmellata!
Ele
• • •
— “Ma chi è che ha taggato la mia panza??”
— “Io! che domande!!!!”
— “Almeno potevi taggare il miglior amico di Sveva...”
— “FATTO!!!!! Scusa mi ero dimentico della sua presenza...”
— “E sì che non passa inosservato...”
— “Effettivamente fa la sua porca figura...”
[Joshua ed Andrea, commenti ad una foto su Facebook]
• • •
— “E da bere?”
— “Polpette!”
[Homer Simpson, I Simpson]
• • •
3. Per scoprire il lato nascosto di Disneyland, lascia a casa i figli e vacci sotto effetto di stupefacenti.
Le regole, Internazionale n. 876
• • •
Brava Giovanna, brava!
Pubblicità Saratoga
• • •
Ogni bel bàl stufa.
Detto popolare
• • •
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
Art. 3, Costituzione Italiana
• • •
Io sono la realtà, voi siete la fiction.
Cetto Laqualunque
• • •
Io sono troppo serio per essere un dilettante, ma non abbastanza per diventare un professionista.
Steiner, La Dolce Vita di Federico Fellini
• • •
Qualche volta, di notte, quest'oscurità questo silenzio, mi pesano. È la pace che mi fa paura, temo la pace più di qualunque altra cosa. Mi sembra che sia soltanto un'apparenza e che nasconda l'inferno. Pensa a cosa vedranno i miei figli domani. il mondo sarà meraviglioso – dicono. ma da che punto di vista se basta uno squillo di telefono ad annunciare la fine di tutto. Bisognerebbe vivere fuori dalle passioni, oltre i sentimenti, nell'armonia che c'è nell'opera d'arte riuscita, in quell'ordine incantato. Dovremmo riuscire ad amarci tanto da vivere fuori dal tempo. Distaccati. Distaccati.
Steiner, La Dolce Vita di Federico Fellini
• • •
Meno stress e più farfalle.
Bandabardò, Manifesto
• • •
“Non devi mai avere vergogna. Accetta ciò che la vita ti offre e sforzati di bere dalle coppe che ti vengono presentate. Si devono assaporare tutti i vini: di alcuni, solo qualche sorso; di altri, l'intera bottiglia.” — “Come posso riconoscerli?” — “Dal gusto. Soltanto chi ha assaggiato il vino cattivo sa individuare quello buono.”
Paulo Coelho
• • •
— “Ehila! Vi vedo sereni!”
— “Sì... Sereni Orizzonti...”
[anonima amica depressa]
• • •
Meglio una cosa a due che due cose ad uno.
Enrico
• • •
Mi scuso per la lunghezza della mia lettera, ma non ho avuto il tempo di scriverne una più breve.
Blaise Pascal, Lettres Provinciales
• • •
L'italiano è un popolo straordinario. Mi piacerebbe tanto che fosse un popolo normale.
Francesco Tullio Altan
• • •
A volte mi vengono in mente idee che non condivido.
Francesco Tullio Altan
• • •
Se anziché dedicare spazio alle scampagnate, alle passioni e ai piaceri che turbano l'anima, si pensasse più allo studio, il tempo disponibile sarebbe sufficiente per apprendere.
Marco Fabio Quintiliano
• • •
Non sono solitamente un uomo che prega, ma se sei lassù, per favore salvami, Superman.
Homer Simpson
• • •
Se non puoi convincerli, confondili.
Harry Truman
• • •
Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.
Antoine de Saint-Exupéry
• • •
Ascoltare è una cosa magnetica e speciale, una forza creativa. Gli amici che ci ascoltano sono quelli cui ci avviciniamo. Essere ascoltati ci crea, ci fa aprire ed espandere.
Karl Menninger
• • •
Non vedete quanto è necessario un Mondo di dolore e tormenti per educare l'intelligenza e trasformarla in anima?
John Keats
• • •
Ghe volessi tre giorni de note - buio! -, darghe armi ala gente e che i se range...
[anonimo conte bisiaco]
• • •
Son talmente avanti che el futuro me cori drio...
[Trieste, ore 2.00 AM, intervento raccolto da un anonimo conte bisiaco]
• • •
Chastity: The most unnatural of the sexual perversions.
Aldous Huxley
• • •
L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere occhi nuovi.
Marcel Proust
• • •
Grazie a Dio sono ateo.
Luis Buñuel Portolés
• • •
Non possiamo sederci comodi e sperare in un lieto fine.
Frank Black, Millennium
• • •
Ma le società sono composte di individui e sono buone solo nella misura in cui aiutano gli individui a realizzare le proprie possibilità, e a condurre vita felice e creativa.
Aldous Huxley, Ritorno al mondo nuovo
• • •
Quando la sorte t'è contraria e mancato t'è il successo, smetti di far castelli in aria e va' a piangere sul...
Igor, Frankenstein Junior
• • •
Sì, ma a quale dei miei impegni rubare quest'ora di lettura quotidiana? Agli amici? Alla tivù? Agli spostamenti? Alle serate in famiglia? Ai compiti? Dove trovare il tempo per leggere? Grave problema. Che non esiste. Nel momento in cui mi pongo il problema del tempo per leggere, vuol dire che quel che manca è la voglia. Poiché, a ben vedere, nessuno ha mai tempo per leggere. Né i piccoli, né gli adolescenti, né i grandi. La vita è un perenne ostacolo alla lettura. "Leggere? Vorrei tanto, ma il lavoro, i bambini, la casa, non ho più tempo..." "Come la invidio, lei, che ha tempo per leggere!" E perché questa donna, che lavora, fa la spesa, si occupa dei bambini, guida la macchina, ama tre uomini, frequenta il dentista, trasloca la settimana prossima, trova tempo per leggere e quel casto scapolo che vive di rendita, no? Il tempo per leggere è sempre tempo rubato. Come il tempo per scrivere, d'altronde, o il tempo per amare. Rubato a cosa? Diciamo, al dovere di vivere. è forse questa la ragione per cui la metropolitana – assennato simbolo del suddetto dovere – finisce per essere la più grande biblioteca del mondo. Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. Se dovessimo considerare l'amore tenendo conto dei nostri impegni, chi ci si arrischierebbe? Chi ha tempo di essere innamorato? Eppure, si è mai visto un innamorato non avere tempo per amare? Non ho mai avuto tempo di leggere, eppure nulla, mai, ha potuto impedirmi di finire un romanzo che mi piaceva. La lettura non ha niente a che fare con l'organizzazione del tempo sociale. La lettura è, come l'amore, un modo di essere. La questione non è di sapere se ho o non ho tempo per leggere (tempo che nessuno, d'altronde, mi darà), ma se mi concedo o no la gioia di essere lettore.
Daniel Pennac, Come un romanzo
• • •
Solo l'uomo colto è libero.
Epitteto
• • •
— “Homer, dimmi qualche cosa di profondo...”
— “Mmmm... pozzo!”
[Marge e Homer Simpson, I Simpson]
• • •
Alberto e il rincoglionimento post festa
— “ma...bene....”
— “eeeee mamma, vol da divertirse alla mia età!”
[Alberto e mamma, da Facebook]
• • •
L'arte della vita consiste nel nascondere alle persone più care la propria gioia di esser con loro, altrimenti si perdono.
Cesare Pavese
• • •
Se non vuoi un uomo infelice per motivi politici, non presentargli mai i due aspetti di un problema, o lo tormenterai; dagliene uno solo; meglio ancora, non proporgliene nessuno. Fa' che dimentichi che esiste una cosa come la guerra. Se il Governo è inefficiente, appesantito dalla burocrazia e in preda al delirio fiscale, meglio tutto questo che non il fatto che il popolo abbia a lamentarsi. Pace, Montag. Offri al popolo gare che si possano vincere ricordando le parole di canzoni molto popolari, o il nome dei vari Stati dell'Unione o la quantità di grano che lo Iowa ha prodotto l'anno passato. Riempi loro i crani di dati non combustibili, imbottiscili di fatti al punto che non si possano più muovere tanto sono pieni, ma sicuri d'essere veramente bene informati. Dopo di che avranno la certezza di pensare, la sensazione del movimento, quando in realtà sono fermi come un macigno. E saranno felici, perché fatti di questo genere sono sempre gli stessi. Non dar loro niente di scivoloso e ambiguo come la filosofia o la sociologia affinché possano pescare con questi ami fatti ch'è meglio restino dove si trovano. Con ami simili, pescheranno la malinconia e la tristezza. Chiunque possa far scomparire una parete TV e farla riapparire a volontà, e la maggioranza dei cittadini oggi può farlo, sarà sempre più felice di chiunque cerchi il regolo-calcolatore per misurare e chiudere in equazioni l'Universo, il quale del resto non può esserlo se non dando all'uomo un'immensa malinconia.
Beatty [Ray Bradbury, Fahrenheit 451]
• • •
Il cinico è uno che sa il prezzo di ogni cosa e il valore di nessuna.
Oscar Wilde
• • •
Non sono pigro... vivo a basso consumo energetico!
[anonimo]
• • •
Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.
Marcel Proust, Il tempo ritrovato
• • •
Come vivere? Allora questa domanda ce la dobbiamo porre non soltanto alla fine di un millennio, di un secolo, di un anno, ma tutti i giorni, e tutti i giorni svegliandoci, si dovrebbe dire: oggi che cosa ci aspetta? Allora io considero che si dovrebbero fare le cose bene, perché non c'è maggiore soddisfazione di un lavoro ben fatto. Un lavoro ben fatto, qualsiasi lavoro, fatto dall'uomo che non si prefigge solo il guadagno, ma anche un arricchimento, un lavoro manuale, un lavoro intellettuale che sia, un lavoro ben fatto è quello che appaga l'uomo. Io coltivo l'orto, e qualche volta, quando vedo le aiuole ben tirate con il letame ben sotto, con la terra ben spianata, provo soddisfazione uguale a quella che faccio quando ho finito un buon racconto. E allora dico anche questo, no: una catasta di legno ben fatta, ben allineata, ben in squadra, che non cade, è bella; un lavoro manuale, quando non è ripetitivo, ricordo 'Tempi moderni' di Charlot, è sempre un lavoro che va bene, perché è anche creativo. Un bravo falegname, un bravo artigiano, un bravo scalpellino, un bravo contadino; e oggi dico sempre quando mi incontro con i ragazzi: voi magari aspirate ad avere un impiego in banca, ma ricordatevi che fare il contadino per bene è più intellettuale che non fare il cassiere di banca. Perché un contadino deve sapere di genetica, di meteorologia, di chimica, di astronomia persino. E allora tutti questi lavori che noi consideriamo magari lavori così, magari con un certo disprezzo, sono lavori invece intellettuali.
Mario Rigoni Stern [film Ritratti: Mario Rigoni Stern]
• • •
— “Anche mio figlio: 'quanto ti daresti in Latino?' 'mha mi darei nove, nove e mezzo...' 'quanto ti hanno dato?' '+6...' 'esatto, bravo!'... Stesse meno davanti al computer potremmo lievitare, vero?”
— “Ma cosa? Per lui stare davanti al computer è come per te stare davanti a un libro, il computer è strumento di conoscenza...”
— “Assolutamente, lo dicono loro, che si studia meglio su Messenger... una miniera di sale è uno strumento di conoscenza...”
[Massimo Cirri e Filippo Solibello, Caterpillar, 14 dicembre 2009]
• • •
Una società che ha per obiettivo la crescita è come un individuo che ha come modello l'obesità.
Luigi Pintor
• • •
Non possiamo cambiare il vento ma possiamo indirizzare le vele.
John Keats
• • •
L'architettura non la si insegna; si impara soltanto.
Ludovico Quaroni
• • •
— “Perché guardi male quella tipa? Ti è antipatica?”
— “No... non so... perché chiacchiericcia... è troppo felice per i miei gusti!”

(qualche minuto dopo)

— “... è quel felice fastidioso!”
[anonima amica depressa]
• • •
La bellezza salverà il mondo.
Fëdor Mikhailovic Dostoevskij
• • •
L'homo sapiens era preoccupato perché dietro teneva l'homo erectus.
Giobbe Covatta
• • •
Il contrario dell'amore non è l'odio, ma l'indifferenza.
Elie Wiesel
• • •
— “Sig. Cesa, buongiorno!”
— “Oh, ciao! Come stai?”
— “Bene dai... NON vedo il tuo nome nella lista delle lauree...”
— “...”
[un amico...]
• • •
Spesso ci si attacca ai numeri come gli ubriachi si attaccano ai lampioni, non per farsi illuminare ma per farsi sostenere.
George Bernard Shaw
• • •
Io cerco di dimenticarmi di me stesso, il problema è che mi porto sempre dietro.
Dario Vergassola, Vasco de Gama (Radio Tre)
• • •
Abbiamo una scuola talmente mal messa che se entrano i vandali ristrutturano.
Maurizio Crozza, Fenomeni
• • •
Oddio che freddo!... è la morte che avanza...
[anonima amica depressa]
• • •
Non credo che l'utilità sia il criterio giusto per stabilire cosa deve entrare in un'università. Il mondo è governato da gente che vuole dappertutto cose utili, e questo è positivo, ma le università dovrebbero essere anche luoghi di contemplazione e di follia.
Mark Miodownik
• • •
Visto che tutti gli altri posti sono occupati, ci siederemo dalla parte del torto.
Bertolt Brecht
• • •
È impossibile imparare ciò che pensiamo di sapere già.
Plutarco
• • •
La casa è un sistema di finestre.
Luigi Lombardi Vallauri
• • •
Son pién come una gubana.
Mastro Butti
• • •
Podestà: Gianfracco "Buana" Pissodritto (Partito Antani con scappellamento a sinistra).
[Nonciclopedia, voce Monfalcone]
• • •
Quand'ero piccina, le mie preferite erano storie di principesse che aspettavano. Irrilevante se aspettassero il principe azzurro o di essere liberate dalla maledizione stagionale che le colpiva, come l'influenza suina, un giorno sì e l'altro anche. Stavano li e aspettavano. Erano sempre belle, bionde e non rompevano le balle. (...)
Orietta Lanzarini, La morale dei tre porcellini, ilfilorozzo.wordpress.com
• • •
Non si ha vera democrazia là dove l'accesso all'istruzione non è garantito in misura pari a tutti.
Pietro Calamandrei
• • •
Tutto ciò che so è che io non sono marxista.
Karl Marx
• • •
È un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario, perché se accadesse credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina.
Henry J. Ford
• • •
Io non ho talenti straordinari. Sono solo appassionatamente curioso.
Albert Einstein
• • •
Il Napalm ci pone ai vertici della catena alimentare.
Marco Zanolla (aka Gandalf)
• • •
— “...e le madonne che piangono?”
— “E perché non ridon mai?”
[intervista a Margherita Hack sui senza Dio de Le Iene]
• • •
L'uomo è davvero insensato: non saprebbe fare un pidocchio e fabbrica dèi a dozzine.
Michel de Montaigne
• • •
L'abitudine ci nasconde il vero aspetto delle cose.
Michel de Montaigne
• • •
È meglio una testa ben fatta che una testa ben piena.
Michel de Montaigne
• • •
Aprire una scuola è chiudere una prigione.
Victor Hugo
• • •
I libri sono lunghe lettere che inviamo agli amici.
Jean-Paul Sartre
• • •
«Velcro!» disse il gatto appeso alla parete al topo uscito dalla tana nel muro.
[liberamente ispirato ad una vignetta di Internazionale n. 800]
• • •
Sei fastidioso! Sta mosca... sto ronzio...
Marco Travagio a Daniele Capezzone
• • •
Sono andato al Circolo Arci Corvetto, stamattina a Milano, per salutare un'ultima volta Ivan Della Mea. Per tutta la gioventù ho cantato le sue canzoni che sono ormai una parte incancellabile di me. Gliene sono grato, così come gli sono grato di averci riuniti nell'afa di quel salone spoglio, con le vecchie bandiere tricolori e rosse, che fossero dei partigiani o del sindacato, restituendoci il senso di una comunità viva al di là della sua inadeguatezza politica. Ho rivisto collezionisti di sconfitte che restano però innanzitutto persone belle, mosse da una visione del bene comune. Sensibili nel riconoscere dove stanno lo sfruttamento e l'ingiustizia, da controbattere con la rivolta e con la cultura. (...)
Gad Lerner, 16 giugno 2009
• • •
L'architettura è una specie di oratoria della potenza per mezzo delle forma.
Friedrich Nietzsche
• • •
A proposito di politica, ci sarebbe qualche cosarellina da mangiare?
Antonio De Curtis (detto Totò)
• • •
Sotto la quarta non può essere vero amore.
Claudio Bisio
• • •
Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi!
Tancredi [Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo]
• • •
E dico alleluja, cazzo!
Walt Kowalski [film Gran Torino]
• • •
La doga è una droga.
Studio Marangone
• • •
Non mi fido di una cosa che sanguina per cinque giorni e poi non muore.
Signor Garrison sulle donne [South Park]
• • •
La gioia della matita. L'orgasmo della prospettiva.
Prof. Sebastiano Cacciaguerra, revisione di tesi
• • •
Strani ricordi in quella nervosa notte a Las Vegas. Sono passati cinque anni? Sei? Sembra una vita. Quel genere di apice che non tornerà mai più. San Francisco e la metà degli anni sessanta erano un posto speciale ed un momento speciale di cui fare parte. Ma nessuna spiegazione, nessuna miscela di parole, musica e ricordi poteva toccare la consapevolezza di essere stato là, vivo, in quell'angolo di tempo e di mondo, qualunque cosa significasse. C'era follia in ogni direzione, ad ogni ora, potevi sprizzare scintille dovunque, c'era una fantastica, universale, sensazione che qualsiasi cosa facessimo fosse giusta, che stessimo vincendo. è quello, credo, era il nostro appiglio, quel senso di inevitabile vittoria contro le forze del vecchio e del male, non in senso violento o cattivo, non ne avevamo bisogno, la nostra energia avrebbe semplicemente prevalso, avevamo tutto lo slancio, cavalcavamo la cresta di un'altissima e meravigliosa onda. E ora, meno di cinque anni dopo, potevi andare su una ripida collina di Las Vegas e, se guardavi ad ovest, e con il tipo giusto di occhi, potevi quasi vedere il segno dell'acqua alta, quel punto, dove l'onda infine si è infranta ed è tornata indietro.
Raoul Duke [film Paura e delirio a Las Vegas]
• • •
Un uomo senza sogni, senza utopie, senza ideali, sarebbe un mostruoso animale, un cinghiale laureato in matematica pura.
Fabrizio De André
• • •
Gli insegnanti devono amare con curiosità antropologica quella tribù di alunni che ogni mattina si trovano di fronte.
Daniel Pennac, Diario di scuola
• • •
Tamburo, (insulto) cosa ricoperta di pelle d'asino che merita di essere percossa.
[saggezza popolare]
• • •
Ragazzi, come si sta bene tra noi, tra uomini! Ma perché non siamo nati tutti finocchi?
Arch. Rambaldo Melandri [film Amici Miei]
• • •
Bella figlia dell'amore,
schiavo son de'vezzi tuoi;
con un detto, un detto sol
tu puoi le mie pene,
le mie pene consolar.

Vieni e senti del mio core
il frequente palpitar;
con un detto, un detto sol
tu puoi le mie pene,
le mie pene consolar.
Duca di Mantova [Giuseppe Verdi (compositore) e Francesco Maria Piave (librettista), Rigoletto, atto III]
• • •
Fascisti. I° aprile. è l'ora di togliervi il cappotto.
Benito Mussolini, appunti al Governatorato
• • •
— “Hey, Porf! Cosa facciamo stasera?”
— “Quello che facciamo tutte le sere, Mignolo, cercare di conquistare il mondo!”
Il Mignolo col Prof
• • •
Intellettuale, è una persona fisica, che comunica, che partecipa, che sa trasformare la sua esperienza in qualcosa che serva anche agli altri, che non trasforma il sapere in potere, che ha un'idea sentimentale del comunicare ed è alla ricerca di un nuovo linguaggio.
David Riondino
• • •
Io so' io, e vvoi nun zete un cazzo.
Giuseppe Gioacchino Belli, Li soprani der monno vecchio
• • •
Bisognerebbe far scattare la legge per il ricostituito partito fascista. Questi di Forza Italia sono quella cosa lì. E si può dimostrare facilmente. Al loro interno non hanno nessun meccanismo elettivo. Questo partito è messo in piedi da una banda di dieci persone che lo controllano nascosti dietro paraventi, non rispettano le regole della Costituzione, chiamano golpista il presidente della Repubblica, svuotano di potere il Parlamento e vogliono fare un esecutivo senza nessun controllo superiore. Inoltre usano le televisioni, che sono strumenti politici messi insieme da Berlusconi quando era nella P2, secondo il progetto Gelli: dove il Paese dal punto di vista politico doveva essere costituito da uno schieramento destra contro sinistra dopo la rottura del meccanismo consociativo che faceva da ammortizzatore. Hanno usato le televisioni come un randello per fare e disfare. Si tratta di una banda antidemocratica su cui è bene che ci sia qualche magistrato che indaghi se viene commesso il reato di ricostituzione del partito fascista.
Umberto Bossi (Lega Nord), Ansa, 19 gennaio 1995
• • •
"Per fortuna le patate le comprano le donne"
Beh, SE LE METTANO TUTTE NEL CULO.
Non ne posso più di quella pubblicità e di quella voce idiota. Che cazzo me ne frega del selenio.
Filippo Facci su macchianera.net
• • •
Un bel tacer non fu mai scritto.
[detto popolare]
• • •
Mi arrabbio quando mi dicono che sono un artista; cioè, non mi arrabbio ma sono fondamentalmente un architetto.
Ettore Sottsass, Maestri del design
• • •
... e il nostro generale... il cavaliere... Silvio... Amstrong... Costner... Berlusconiii!!!
Paolo Rossi, Era meglio morire da piccoli
• • •
— “Medaglione in corteccia.”
— “Molto bene.... e per la signora?”
— “Gorgonzola.”
— “Ottima scelta... bella topolona...”
Gorgonzola d.o.p., pubblicità
• • •
Un corpo immerso nell'acqua: si lava;
immerso nel cemento: sapeva troppo;
immerso in un altro: si diverte;
immerso in due corpi: fa orgia.
Maurizio Crozza, Crozza Italia
• • •
— “Dato che la minutezza delle parti rallentava notevolmente il mio lavoro, decisi di fare una creatura dalle dimensioni gigantesche.”
— “In altre parole, le vene, i piedi, le mani e tutti gli organi dovrebbero essere ingranditi.”
— “Esatto!”
— “Allora avrebbe un enorme SCHWANZSTUCK!”
[Frederick Frankenstin, Inga e Frau Blücher, Frankenstein Junior]
• • •
"Se la merla i me quaion" vuol dire "Sì la merla i miei quaglioni".... cioè, i quaglioni sono delle quaglie...
Francesco Guccini, La fiera di San Lazzaro
• • •
Fine, ma non finissimo.
Pardo
• • •
Cassso!
[un professore durante una lessione]
• • •
I give you the salutation of my president of Republic.
Silvio Berlusconi, 5 luglio 2004
• • •
Oggi non ho niente da dire.
[editoriale] Bob Considin, 1973
• • •
Il sentimentalismo è un atteggiamento borghese indegno del proletariato.
Peppone
• • •
Lui non sente, ma non importa... anzi è importante che non senta.
Prof. Vinicio Bonometto
• • •
LAIF IS NAOO!!
[su un muro a Gorizia]
• • •
— “Ventura!”
— “Sì Satana? ... Oh, mi scusi, l'avevo scambiata per qualcun altro...”
[film Ace Ventura l'Acchiappanimali]
• • •
Questo sito mi si vede male, perché? > Scarica un vero browser [nda: link a Mozilla Firefox]
adunanzadigitale.org
• • •
"veraceria" o "cornacchinaggine" [trad. di "truthiness"]
Tullio de Mauro
• • •
Tutto per fare... e farti la festa
[Sexy Shop La Fagolina – Udine]
• • •
Nonostante i giochi delle varianti e gli artifici della letteratura agiografica, mi pare di cogliere negli uomini del Medioevo addirittura un certo senso di stanchezza verso i santi, giacché da partire dal momento che un santo compare sulla scena si sa già quello che farà.
Jacques Le Goff, Il meraviglioso e il quotidiano nell'Occidente medievale
• • •
BABBA BIA!
Ale
• • •
Mi scusi, signore.
Maria Antonietta sul patibolo dopo aver pestato un piede al boia
• • •
Ocai... oggi è un buon giorno per morire.
Mastro Butti
• • •
Una mucca entra in una farmacia, fa una verticale, e muore.
Vittorio
• • •
Era un buon cavallo... [bang!]
[un cowboy in qualche film]